HomeCasertaAllevamento di bufali sequestrato, rischio di focolaio di tubercolosi

Allevamento di bufali sequestrato, rischio di focolaio di tubercolosi

Covid-19

Italia
472,196
Totale casi Attivi
Updated on 22 April 2021 19:18

Allevamento di bufali sequestrato nel casertano da parte della polizia e della task force dell’Asl, rischio di un focolaio di tubercolosi

L’allevamento di bufali campani dell’azienda agricola situata tra Sant’Angelo di Alife e Pietravairano, in provincia di Caserta, è stato sequestrato dalle forze dell’ordine.

L’azienda è di proprietà del principe austriaco Mariano Hugo Windisch-Graetz, primo azionista del Banco di Napoli ed esportatore di mozzarelle in Italia e nel Mondo.

In seguito alle indagini e alle segnalazioni, la polizia ha ordinato il sequestro dell’allevamento di bufali.

A darne notizia è il quotidiano online L’Occhio di Caserta.

Il motivo è dovuto all’accusa di pochi mesi fa dello smaltimento di rifiuti zootecnici nelle acque del fiume Volturno.

A ciò si aggiungono le condizioni degli animali visto che alcuni di essi hanno contratto la tubercolosi e c’è il rischio di un focolaio nell’azienda agricola.

L’operazione di sequestro ha visto la Polizia della Città Metropolitana di Napoli collaborare con una task force dell‘Asl.

Seguici su Napoli.ZON e sulle nostre pagine social Facebook, Instagram, Twitter e sul nostro canale Telegram.

Notizie di cronaca, attualità, politica, sport, SSC Napoli, eventi e cultura ma anche previsioni del meteo, aggiornamenti sul bollettino sanitario regionale, curiosità partenopee e ricette light della tradizione.

Ti potrebbe interessare: Scuole in Campania, i comuni rinviano la riapertura

Latest Posts

ULTIME NOTIZIE