Real Poggiomarino, arriva l’attaccante Filippo Tortora

poggiomarino

Il Real Poggiomarino non si ferma più sul mercato e continua le proprie trattative, con l’intento di regalare, a mister Gianpiero Nocera, una rosa completa

Il Real Poggiomarino non si ferma più sul mercato e continua, in maniera incessante, le proprie trattative, con l’intento di regalare, a mister Gianpiero Nocera, una rosa completa, in ogni reparto, entro l’inizio della preparazione estiva, fissata per il 18 Agosto. L’ultimo acquisto che il sodalizio vesuviano annuncia è davvero di quelli da stropicciarsi gli occhi, trattandosi di un elemento di spicco, che ha scritto la storia del calcio campano e non.

Il direttore sportivo Francesco D’Ambrosio ha concluso l’ingaggio dell’attaccante Filippo Tortora, più noto come Pippo, classe 1977, proveniente dal Castel San Giorgio, società di Eccellenza. Un autentico colpo di mercato che, a dispetto dell’età, risulta ancora decisivo. Non ha certo bisogno di presentazioni bomber Tortora, un grande passato in serie C e serie D, soltanto negli ultimi anni si è calato nelle realtà calcistiche regionali, sempre a suon di gol e di successi.

Il commento del Presidente Filosa

Un elemento che, senza ombra di dubbio, andrà ad essere il fiore all’occhiello del reparto offensivo del Real Poggiomarino, come sottolinea anche il Presidente Filosa: “Credo che abbiamo ingaggiato un calciatore ed uomo che ci darà tanto, sia caratterialmente che sportivamente, la sua esperienza e la sua elevata caratura saranno importanti per la squadra”.

“Voglio complimentarmi, anche a nome degli altri copresidenti Perrino e Auricchio, con il direttore D’Ambrosio che, con grande sacrificio e professionalità, sta facendo un grande lavoro, allestendo un organico di pregevole fattura”. Ritornando a Tortora, ripercorriamo l’importante carriera del nuovo centravanti biancoblu: a vent’anni, arriva la prima stagione in Serie C, con la maglia della Pro Patria, in cui raggiunge il terzo posto.

La carriera di Tortora

La stagione successiva, si divide, in Serie D, tra Grosseto e Potenza, realizzando circa 11 reti. L’anno dopo, ancora a Potenza, in Serie D, disputa un’altra stagione importante, con 14 reti all’attivo e il secondo posto in classifica, alle spalle dell’Igea Virtus. Proprio l’Igea Virtus, l’anno successivo, in Serie C, lo ingaggerà, nei professionisti, la squadra arriva sesta e lui realizza 6 gol.

Nel 2001/2002, inizia a Frosinone in Serie C2, per poi a dicembre, tornare in Serie D, al Castrovillari, con cui arriva quinto. La stagione 2002/2003, dopo un lungo peregrinare, lo consacra anche in Campania, allorquando veste la maglia della Sangiuseppese e, con 16 reti, in 26 gare, contribuisce notevolmente alla salvezza tranquilla della squadra vesuviana.

Nel 2003/2004 approda in C alla Cavese e ottiene un’altra salvezza. Nel 2004/2005, il passaggio in Serie D, al neo promosso Solofra e altre 12 reti. Nel 2005/2006, fa ritorno alla Sangiuseppese e stavolta ne mette a segno 16. Nel 2006/2007, il passaggio al Sant’Antonio Abate, sempre in D, e va ancora in doppia cifra, con 11 gol. Nel 2007/2008, arriva la volta dell’Ippogrifo Sarno, serie D, e sono 14 le marcature.

Nel 2008/2009, passa alla Turris e realizza la bellezza di 18 reti, la sua migliore stagione in quarta serie, in termini realizzativi. Nel 2009/2010, va in terra sannitica, vestendo la maglia del Forza e Coraggio Benevento per due stagioni, in cui mette a segno, rispettivamente 10 e 16 reti. Nel 2011/2012, resta in D alla Battipagliese, dove gioca poco, ma comunque da il suo contributo.

Secondo addio alla Campania

Nel 2012/2013, dopo 10 anni circa, lascia di nuovo la Campania e torna al Potenza, in Serie D, ma dopo pochi mesi, altro ritorno, questa volta a Cava de Tirreni. Nel 2013/2014, la scelta di cuore, torna al Forza e Coraggio, questa volta in Promozione, scendendo di categoria per la prima volta, conquistando, a suon di gol, la promozione in Eccellenza. Nel 2014/2015, resta a Forza e Coraggio, in Eccellenza.

Poi, nell’ultima stagione, la 2015/2016, altra annata in Eccellenza, a Castel San Giorgio, conquistando una salvezza insperata, grazie proprio ad un suo gol, di tacco, nella finale playout, con il Massalubrense. Ora c’è il Real Poggiomarino, a cui porta in dote circa 150 gol in Serie D e una manciata di marcature anche in Serie C, con l’obbiettivo di continuare a vincere e a togliersi grandi soddisfazioni, all’alba dei quarant’anni. In bocca al lupo, al nuovo acquisto biancoblu.