MATES Festival, intervista al presentatore Fabio De Vivo

MATES

Fabio De Vivo,  speaker di M2o e presentatore del MATES Festival, ci racconta in una divertente e spontanea intervista cosa dobbiamo aspettarci dall’evento più atteso dell’estate

Conosciamo il prossimo presentatore di MATES – Fabio De Vivo è un ragazzo nato a Napoli nel 1982, si definisce un poliedrico, come dimostrano le sue svariate esperienze nel mondo della comunicazione: Deejay, autore, opinionista televisivo e speaker sono i campi dove Fabio si è distinto per simpatia, spontaneità e umiltà. Dopo un’esperienza triennale a Radio RTL 102.5, attualmente è lo speaker di punta di M20 e prossimo presentatore del MATES Festival.

MATES
La locandina ufficiale per l’evento MATES Festival

L’intervista – a cura di Mattia Ronsisvalle

M.R: “Ciao Fabio, è un piacere poterti intervistare”
F.DV: “Il piacere è tutto mio, quando parliamo di Napoli, la mia città, ci tengo sempre a fare la mia parte”

M.R“Parliamo del MATES Festival, cosa hai provato quando ti hanno comunicato che saresti stato il prossimo presentatore di questo grande evento che si terrà a Napoli, per te che per giunta sei un napoletano d.o.c?”
F.DV: “Sicuramente è stata un grande gratificazione, è un cerchio che si chiude o meglio si amplia perchè queste esperienze nel nostro lavoro ci arricchiscono. A 20 anni sono andato via da Napoli, la città che amo, per inseguire il sogno di poter lavorare nel magico mondo della radio. Quando Tony Ciotola mi ha comunicato che sarei stato  il prossimo volto del MATES, ho pensato che sarebbe stato il massimo condurre questo tipo di evento nella mia città. Ho accettato immediatamente, senza badare ad impegni lavorativi da incastrare o al cachet.”

M.R: “MATES, dopo il successo delle prime due edizioni a cui hanno partecipato ospiti importanti come Martin Garrix, Don Diablo, Daddy’s Groove etc… giunge alla sua terza edizione, cosa dobbiamo aspettarci?
F.DV: “Prendete le prime due edizioni, mettetele insieme e moltiplicate il tutto per tre! Tengo a sottolineare però che come Tony ( si riferisce a Tony Ciotola) e il suo entourage hanno più volte detto, questo non è il solito festival.  Si tende a non esaltare solamente la musica ma anche il concetto di amicizia e la poliedricità che Napoli sa di avere e di trasmettere”.

M.R: “Come accennavi tu prima, saranno 6 le aree presenti quest’anno al MATES: Music, Wellness, Panels, Relax and Detox, Gaming e Food and Drinks”
F.DV:”Gli eventi che si susseguiranno nel pomeriggio sono imperdibili, parleremo di diversi aspetti come il cyberbullsmo e affronteremo tematiche sociali. Invito i ragazzi a non venire solo la sera per ascoltare gli artisti, godetevi tutto quello che il Festival può offrirvi”.

M.R: “Ricordi di quando, agli albori, conducevi su RTL 102.5 “I love console”?
F.DV: ” Sono passati diversi anni ma conservo un buon ricordo, era un programma radiotelevisivo  dove proponevo la musica da ascoltare come se fossi un deejay all’interno del locale. Da ragazzo non avevo ancora realizzato quanto quel programma fosse importante, potevo anche decidere l’intera playlist, cosa che attualmente in una radio o in televisione non ti lasciano fare se sei giovane!”

M.R: “MATES ha sponsorizzato un contest, dove il tema di presentazione era l’amicizia, per trovare nuove figure professionali: deeejay, rappers e fotografi. Che consiglio senti di dare a questi ragazzi dato che tu lavori nel campo della comunicazione e della musica?
F.DV:”Non voglio fare discorsi populistici del tipo “impegnatevi,  credete in voi stessi…”
M.R: “Stile Flavio Insinna insomma…”
F.DV:”Esattamente!(ride) I giovani d’oggi, rispetto a chi lavora in questo mondo da più tempo, hanno una passione e un’energia incredibile, ma oltre alla passione serve l’umiltà. Ad esempio il web puoi aiutare perchè anche se da spazio a tutti è meritocratico. Siate poliedrici, è il consiglio che mi sento di dare a tutti quelli che incominciano il proprio lavoro. Io cerco di dedicarmi a più cose, all’estero questo viene apprezzato,  in Italia sembra che più lavori meno sai fare”

MATES
Ai giovani che vogliono iniziare questo lavoro dico: “Siate poliedrici, all’estero vi apprezzeranno di più”

M.R: “MATES significa amici/compagni in inglese, ma da dove nasce l’idea per questo nome?”
F.DV: “Il suo organizzatore principale, Tony Ciotola, ha sempre puntato sul concetto di aggregazione e amicizia. Il suo pensiero è che il team viene prima di tutto, è un modo di pensare internazionale perchè all’estero si lavora così, prima il gruppo poi il singolo. MATES fa sì che amici e professionisti camminino insieme per un unico obiettivo.”

 

L’intervista procede per il meglio, così decido di fare uno scherzo al buon Fabio. Quel che dovete sapere è che la nostra vittima  ha un debole per Cattelan e DJ Albertino: con il primo vorrebbe collaborare mentre con il secondo gli basterebbe anche pronunciare un semplice “ciao”  di fianco a lui in diretta radiofonica. Detto ciò potete continuare con la lettura.

 

M.R“Fabio volevo chiederti un parere sulla notizia che è giunta  poco fa e che riguarda la presenza di Cattelan e DJ Albertino sul palco insieme a te”
F.DV:”Ah…(la perplessità di Fabio si sente dal tono della voce). Non sapevo di questa cosa, ma davvero?
M.R: “Certamente, ma come mai sei così sorpreso, ti piace l’idea di poter collaborare con loro?”
F.DV :”Ovviamente, guarda se non fosse un’intervista penserei che è uno scherzo, è un regalo per me…”

Sentendo la voce di Fabio tingersi di emozione e incredulità ho deciso di svelargli lo scherzo per non fargli venire un infarto.

MATES
I “protagonisti” dello scherzo a Fabio De Vivo

F.DV: “Mi sembrava troppo strano, però sai con tutti i nomi che stanno girando per i MATES… (dice ridendo) .Ti dico che Albertino è il mio modello da seguire, mentre Cattelan per me è attualmente una persona da cui prendo spunto per il mio lavoro”.

M.R: “Torniamo a parlare di MATES. Facciamo finta che io non sia minimamente a conoscenza di cosa sia MATES ed hai 30 secondi per convincermi a partecipare a questo evento”
F. DV:”Ti direi di venire assolutamente al MATES e di non mancare in nessuno dei tre giorni. Non bisogna pensare che sia solo un festival di musica come tanti, certo gli artisti internazionali faranno la loro parte nell’intrattenimento, ma bisogna godersi l’esperienza sensoriale che il festival può offire a 360°: si può gustare il buon cibo del sud, dirigersi nelle aree relax , oppure se vi piacciono le serie televisive come Gomorra potrete apprezzare la presenza di Salvatore Esposito che presenterà il suo ultimo libro intitolato “Non volevo diventare un boss”, se siete sportivi invece sarete felici di sapere che ci sarà  anche il campione NBA Marco Belinelli. Consiglio di venire con i propri amici perchè da soli rimareste catturati dall’ambiente e dati per dispersi”.
Ecco qui sotto riportata l’intervista a Fabio De Vivo, senza filtri ma con un contenuto inedito.
Siete curiosi? Cliccate il tasto play e a buon ascolto.