De Laurentiis esalta Mertens e sullo scudetto…

de laurentiis
Conferenza stampa De Laurentiis

E’ un Aurelio De Laurentiis felicissimo quello che commenta l’ultima vittoria del Napoli in casa della Lazio. Ma precisa: “Mai dire scudetto…”

La vittoria del Napoli contro la Lazio nell’ultimo turno di campionato ha esaltato, e non poco, l’ambiente e il Presidente Aurelio De Laurentiis che spende parole al miele per i suoi calciatori e, in particolare, per Dries Mertens, l’uomo più in forma della squadra partenopea.

“Sono rimasto basito dal gol di Mertens, non ci credevo, è stato molto bello”, ha commentato De Laurentiis ai microfoni di Radio24, “Ho visto che si girava e poi ho visto il pallone entrare nell’angolo destro della porta. Sono rimasto basito, incantato.”

Sullo scudetto, però, il Presidente va coi piedi di piombo. Il Napoli è attualmente primo in classifica, a pari punti con la Juventus, ma la corsa è ancora lunga: “Ho una teca piena di corni a casa. Si dice che non si debba farli vedere perché se no si scaricano. A me invece piace farli vedere, così si caricano dell’invidia altrui”.

A margine della sua breve intervista, inoltre, De Laurentiis non risparmia commenti al veleno contro il calcio italiano, in particolar modo verso il sistema a 20 squadre: “C’è una mentalità vecchia di almeno 20-30 anni, che non paga più perché l’Europa è cambiata. Nel 1986 le squadre in serie A erano 16, poi sono aumentate a 20. Se fossero ancora 16 e se ci fosse una sola retrocessione, sarebbero tutti più felici e competitivi”.