Casalnuovo, sabato 27 c’è la finale di ‘Una città che scrive’

casalnuovo

A Casalnuovo arriva il giorno della finalissima del premio letterario ‘Una città che scrive’. L’appuntamento è per Sabato 27 maggio

NAPOLI, CASALNUOVO, 20 MAGGIO – Una Città Che Scrive, Una Città Che Rinasce.” Questa, la citazione che ha ispirato l’ideatore del progetto ‘Una città che scrive‘ Giovanni Nappi e che lo ha accompagnato, insieme alla ‘sua squadra’, dal giorno della prima antologia ad oggi.

Il Presidente del consiglio del Comune, Nappi, ha sempre desiderato una rinascita per il suo Paese e ha auspicato casalnuovoquesta ‘rivoluzione culturale’ con tutto se stesso. Oggi, ad un anno circa dalla prima edizione della raccolta, possiamo dire che Giovanni Nappi è riuscito ad esaudire il suo desiderio e quelli di molti suoi concittadini.

Sono successe diverse cose da quando l’idea di un libro di soli autori della città di Casalnuovo è diventata realtà. Già dal maggio scorso c’era il sentore che l’aria in città stava cambiando, culturalmente, in meglio. C’era l’apprezzamento di tante persone e, soprattutto, parecchi giovani avevano risposto positivamente al nuovo modello di crescita suggerito da Nappi.

Dalla serata della presentazione della raccolta intitolata ‘Una città che scrive’ si sono susseguite onorificenze, premiazioni e soddisfazioni. Si è passati da Napoli a Bruxelles, da Visso (nelle Marche) all’Europa, varcando la soglia di scuole e carceri. Il progetto, che ha inglobato diverse persone e personalità, ha svariati encomi certificati, per esempio, dal ‘Patrocinio morale della regione Campania‘ e dal ‘Patrocinio del Parlamento Europeo‘.

Il successo ha superato ogni aspettativa e, spinti dall’orgoglio e dalla felicità dell’opera, si è deciso di cavalcare un’onda che, dopo un anno, sembra non volersi proprio fermare.

Ma cosa fare per rendere il tutto ancora più appetibile e coinvolgente?

Ancora una volta ci ha pensato il Dott. Nappi, trasformando una semplice antologia di ‘paese’ in un premio letterario valido sia in Italia che nell’intera Europa. L’equipe organizzata dal Presidente ha svolto un lavoro minuzioso e accurato, riuscendo ad estrapolare dozzine di testi, che hanno inaugurato la prima edizione di questo concorso culturale.

casalnuovoLa serata della pre-finale si è svolta la settimana scorsa, presso il famoso Palazzo Lancellotti di Casalnuovo. Contributo importante è stato dato anche da Patrizio Rispo, il Raffaele portiere della soap ‘Un posto al sole’, che ha dato voce ad alcuni dei testi in gara, omaggiando della sua presenza la cittadina, che ha accolto calorosamente anche altri artisti esibitisi sul palco e non: tra i tanti spicca il nome del maestro Luigi Castiglione che ha addolcito gli occhi dei casalnuovesi con l’esposizione dei suoi quadri.

Ma l’evento clou si terrà tra una settimana precisa. Sabato 27 maggio è il giorno X, il giorno della finalissima della prima edizione del premio letterario.

L’appuntamento è alle ore 19.00 presso il Centro Polifunzionale Pier Paolo Pasolini, sito in Casalnuovo. La serata prevede, ancora una volta, novità e sorprese. Oltre al ritorno graditissimo del sassofonista Marco Zurzolo (curatore artistico del progetto e sempre impegnato con ‘Una città che scrive’), ci sarà la presenza di uno dei massimi esponenti del cinema nostrano e internazionale.casalnuovo

Il nome è quello da pelle d’oca, per bravura e professionalità: Giancarlo Giannini. Il famoso attore leggerà alcuni dei brani che parteciperanno alla finale.

Insieme a lui, sul palco di ‘Una città che scrive’ anche un’altra grande firma del teatro e del cinema campano e nazionale. Un altro nome importante, invitato da Nappi per arricchire ancora di più il patrimonio culturale, sarà lieto ospite di Casalnuovo e dell’evento. Parliamo di Antonello Cossia che, dopo aver seguito ‘la squadra’ nelle Marche incontrando i ragazzi di Visso, darà voce ad alcuni dei testi in gara, dando un tocco magico e suggestivo alle opere.

Da quanto si apprende anche dal profilo Facebook di Giovanni Nappi, molteplici saranno i testi premiati.  Ben quindici autori riceveranno premi in denaro, mentre circa 30 saranno i premi in pubblicazione nella nuova antologia ‘Una città che scrive’.

Noi di Napoli.zon abbiamo descritto, passo dopo passo, l’evolversi del progetto casalnuovesi di Nappi. Quello che il Presidente è riuscito a costruire in così poco tempo è davvero spettacolare ed ora, Casalnuovo, ha un motivo di vanto. Queste sono l’idee che piacciono, questa è la cultura che piace. Ad maiora.